Signora dei Filtri

Recensione: Il disordine delle cose di Silvia Pingitore

Il disordine delle cose è il nuovo romanzo di Silvia Pingitore, il primo pubblicato con i tipi della Lepre Edizioni. Nel caso qualcuno se lo domandi, non è un fantasy, ma non di solo fantastico vive l’uomo. È un romanzo comico, ma di una comicità pungente, spesso amara, che estremizza i cliché e sfora nell’assurdo. È un romanzo che risulterà familiare a tutti i membri della generazione dei bamboccioni e dei cervelli in fuga, che non faticheranno a riconoscersi in situazioni non necessariamente autobiografiche ma comunque familiari. La recensione la trovate sul blog di Signora dei Filtri a questo link.

Leggi tutto >

Interviste a Nemi

Salve, sono Sergio Vivaldi (nella foto) e forse avete sentito parlare di me dopo le interviste fatte a Nemi in occasione del BiblioUpFestival. Se questo non è accaduto, siete stati incredibilmente fortunati, visto che ho ripetuto questa cosa a praticamente chiunque avesse la malaugurata idea di udire la mia voce. Ultim’ora: la vostra fortuna è finita. Vi trovate su questa pagina, quindi adesso sapete. E visto che sapete, fatevi un giro a leggere le interviste. Una la trovate su questo blog, il malcapitato scrittore è Fabio Stassi. Di seguito trovate i link agli altri due malcapitati, Aurelio Picca e Paolo Di Paolo. Mentre leggete, pensate a come questi tre pover’uomini si siano trovati davanti il sottoscritto invece che una persona competente. Intervista a Aurelio Picca Intervista a Paolo Di Paolo

Leggi tutto >

Recensione: Signora dei filtri, di P. Poli

  Qualche settimana fa avevo letto il libro di Patrizia Poli, Signora dei filtri. Quando le ho detto cosa ne pensavo, ho cominciato il mio messaggi con “Senza farne una recensione…” salvo poi trovarmi a scrivere qualcosa di sufficientemente lungo da essere, a tutti gli effetti, una recensione. A quel punto abbiamo deciso di pubblicarla, perché era quasi fatta. Una sistemata qua e là, giusto perché la grammatica non è un’opinione, et voilà. Signora dei filtri è la rivisitazione del mito degli Argonauti. Dico rivisitazione perché Patrizia Poli fa una cosa a mio parere giustissima: lo umanizza. Il mito classico presenta un mondo fatto di divinità ed eroi in cui non c’è posto per l’essere mortale. Le Argonautiche, così come l’Iliade, l’Odissea, non fanno eccezione a questa regole, e tutto il pantheon gioca un ruolo particolare nell’evolversi delle disavventure dei protagonisti. L’autrice elimina questi elementi con abilità, trasformando il tutore di Giasone, il centauro Chirone, in un uomo deforme e sfigurato, o convertendo il viaggio di Orfeo nell’Ade in cerca dell’amata Euridice in un sogno. Con questi semplici passaggi l’autrice elimina le componenti sovrannaturali e riporta al centro della scena gli uomini e le donne di questa storia. Il resto […]

Leggi tutto >

I canti di Hyperion

Ecco i link ai due articoli sulla saga I canti di Hyperion. Prima parte: Questo è il primo di due articoli piuttosto lunghi e la logica suggerisce di ridurre al minimo interventi inutili, in particolare quando si affronta un argomento tanto delicato, John Keats, sul quale il lettore non ha alcuna ragione di prendermi sul serio. Il motivo è semplice: a me la poesia non piace. Meglio eliminare ogni dubbio fin da queste prime righe. Escluso pochissime eccezioni, e Keats non è fra queste, fra noi non è mai scoccata la scintilla. Se state ancora leggendo, vi starete forse chiedendo perché intendo parlarvi di qualcosa a cui non mi sono mai veramente avvicinato. Per la risposta bisogna tornare indietro di oltre vent’anni: è il 1989 quando Dan Simmons pubblica il primo romanzo della saga I canti di Hyperion. Definirlo un successo è riduttivo: Hugo e Locus Award come miglior romanzo, finalista al Arthur C. Clarke e British Science Fiction Association Award e altro ancora. Al primo romanzo, Hyperion, seguirono La caduta di Hyperion, Endymion e Il risveglio di Endymion. Qui, nel viaggio di sette pellegrini, nella nascita di Aenea, Colei Che Insegna, nel suo viaggio in giro per l’universo con […]

Leggi tutto >

Il trono di spade

Qualche tempo fa, tramite amici in comune che ci hanno messo in contatto, ho parlato con Patrizia Poli, redattrice per il blog Signora dei Filtri, ed è nata l’idea di una collaborazione. Ogni tanto qualche mio articolo, recensione o qualsiasi cosa mi passi per la testa che mi lasceranno pubblicare comparirà sul blog di Patrizia. Il primo articolo è comparso ieri e parla di violenza, Fantastico e Il trono di spade. L’articolo è stato scritto a metà maggio, quindi non troverete riferimenti agli eventi che hanno segnato la fine dell’ultima stagione, ma ci sono spoiler, anche importanti, per chi non ha visto la serie o letto i libri. Una piccola anticipazione (senza spoiler): A Game of Thrones: violenza virale o educativa? 17 Aprile 2011. In questa data il primo episodio di una nuova serie televisiva viene mandato in onda dall’emittente americana HBO, la stessa che nel 1999 aveva lanciato il fenomeno mondiale de I Sopranos. Questa volta la serie è stata ispirata dalla saga di narrativa fantastica dell’autore americano George R. R. Martin, A Song of Ice and Fire. La serie televisiva prenderà il titolo di A Game of Thrones, la “prima” avrà oltre due milioni di spettatori nei soli […]

Leggi tutto >

Designed by arosedesign